Orecchio Acerbo

Visualizzazione di 9 risultati

  • La leggenda di Sally Jones

    16,50
    Autore: Jakob Wegelius
    Traduzione di Maria Valeria D’Avino
    Editore: Orecchio Acerbo
    Pagine 108
     
    2017
     
    Questa è una storia di crimini irrisolti in città remote, avvolte dalla nebbia.
    È una storia di astute malvagità nelle giungle febbrili e di fedeli amicizie fra gli oceani in tempesta.
    È una storia di crudeli tradimenti, di nostalgia e di speranza.
    Questa è la leggenda di Sally Jones.
     
     
     
  • A che pensi?

    17,50
    Autore: Laurent Moreau
    Traduzione di Carla Ghisalberti
    Editore: Orecchio Acerbo
    Pagine 44
     
    2012
     
    Per strada, c’è chi passeggia e chi si affretta. Ciascuno con i suoi pensieri, pesanti o leggeri. E tu, a che pensi? 
     
     
  • Piccola Balena

    16,00
    Autrice: Jo Weaver
    Traduzione di Carla Ghisalberti
    Editore: Orecchio Acerbo
    Pagine 32
     
    2018
     
    Piccola Balena non ha mai visto casa.
    Attraverso banchi di pesci, praterie di alghe e mille pericoli, sua madre la guida, la protegge, la sostiene. Lungo il cammino verso casa.
     
     
  • La cosa più importante

    13,50
    Testo di Margaret Wise Brown
    Illustrazioni di Leonard Weisgard
    Traduzione di Lorenzo Spatocco
    Editore: Orecchio Acerbo
    Pagine 24
     
    2018
     
    La cosa più importante è stato definito un libro perfetto. È un classico della letteratura per l’infanzia, innovativo oggi come nel 1949, quando fu pubblicato per la prima volta.
    Divertente e inventivo, esplora il mondo di ogni giorno con il fresco, aperto sguardo dei bambini.
     
     
  • Cosa diventeremo? Riflessioni intorno alla natura

    19,50
    Autrice: Antje Damm
    Traduzione di Anna Patrucco Becchi
    Editore: Orecchio Acerbo
    Pagine 144
     
    2019
     
    Le noci sono vive?
    Quale domanda ti piacerebbe fare a un animale?
    Gli alberi si innamorano?
    L’inverno come fa a sapere quando deve arrivare?
    Le piante hanno diritti?
    La Natura ha la stessa importanza per tutte le persone?
     
    Con oltre sessanta domande, Antje Damm ci aiuta a riflettere sulla molteplicità della natura e su ciò che significa per noi.
     
  • In punta di piedi

    15,00
    Testo di Christine Schneider
    Illustrazioni di Hervé Pinel
    Editore: Orecchio Acerbo
    Pagine 48
     
    2019
     
    In punta di piedi, il cuore che batte, Bernardo e Clara si tuffano nella notte. Lei fluida, lui leggero, attraversano il corridoio nero…
  • Amici

    14,00
    Autrice: Satomi Ichikawa
    Editore: Orecchio Acerbo
    Pagine 32
     
    2019
     
    Amici per i giorni di festa
    amici per quelli di tempesta,
    amici da gennaio a dicembre.
    Amici. Amici per sempre.
  • Rudyard. Il bambino con gli occhiali.

    16,00
    Autrice: Cinzia Ghigliano
    Editore: Orecchio Acerbo
    Pagine 44
     
    2020
     
    Rudyard cresce felice in India. Con la famiglia e le tante persone che si prendono cura di lui, trascorre l’infanzia fra animali esotici e profumi. Poi per lui e per la sorellina arriva il tempo della scuola, nella fredda e grigia Inghilterra. Lasciati i genitori, approdano in casa di una donna severa e di suo figlio. Soprusi, castighi, divieti: questa la nuova quotidianità di Rudyard, che trova nella lettura – nella penombra dei luoghi dove si nasconde – gli unici momenti di felicità. Solo a Natale sono concesse brevi vacanze spensierate a casa degli zii. Ed è lì che qualcuno si accorge che Rudyard sta perdendo la vista. Con il rinnovato affetto della madre, richiamata dall’India, e con un buon paio di occhiali quel bambino è di nuovo felice. Quello stesso bambino che da grande diventerà uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi: Rudyard Kipling.
     
  • Come si esce da questo libro e soprattutto quando

    14,00
    Autori: Daniel Fehr, Maurizio A. C. Quarello
    Editore: Orecchio Acerbo
    Pagine 28
     
    2019
     
    Come si esce da un libro?
    Semplice, si chiude e basta.
    A volte è più difficile entrarci, cominciare a leggerlo, ma quando ci sei finalmente dentro puoi perderti. A quel punto uscirne non è così facile…
     
    “Per chi non teme il disordine”